Tag Archivio: storia

Ci vuole forza

WhatsApp Image 2017-04-04 at 16.10.31

Ci vuole la forza per andare oltre.
Ci vuole la forza per affrontare chi la forza cerca di togliercela.
Ci vuole la forza di abbattere quel muro composto da persone che con forza si oppongono alla nostra avanzata e cercano di fermarla.
Ci vuole la forza di capire che il problema non siamo noi, la forza di diventare consapevoli del nostro valore. Continua a leggere

Le 10 frasi più belle del Madiba (e cosa significano)

Nelson Mandela (1918-2013)

 

 “Provare risentimento è come bere tutti i giorni veleno, sperando che uccida il tuo nemico”. Lo diceva Nelson Mandela, dopo 27 anni a Robben Island che avrebbero “avvelenato” chiunque. Libertà intellettuale, tenacia, speranza: la forza del Madiba si trascrive nelle frasi che hanno segnato la sua vita.

Ecco 10 tra le più significative

di Alberto Magnani

Continua a leggere

Una sciagura senza fine

L'Isis distrugge scultura di un Lamassu (antica divinità assira)

 

Come l’Isis sta distruggendo alcune tra le più grandi bellezze artistiche e paesaggistiche sulla faccia della Terra nell’indifferenza quasi totale del resto del mondo.

L’Isis spaventa l’Occidente, ogni giorno sempre di più. O almeno così vogliono farci credere, visto che la sfida si disputa tra una sola organizzazione terroristico-militare contro una cinquantina di paesi (tra cui super-potenze mondiali). Nel frattempo che i vari Paesi della coalizione anti-Isis trovino un accordo su come intervenire, il califfato avanza sul terreno, causando morte e devastazione.

Ma tra tutto ciò, quello che dovrebbe davvero spaventarci di questa avanzata jihadista è la totale scelleratezza dell’ideologia che la fomenta, che si manifesta anche nella distruzione dei reperti ed edifici archeologici delle antiche e gloriose civiltà che un tempo popolavano il Medio Oriente.

Continua a leggere

Libia. Quali scenari?

Libya

 

A partire dall’uccisione di Gheddafi (2011) risulta difficile pensare alla Libia ancora come a una nazione, visto che da quattro anni essa è una polveriera segnata da sanguinose guerre fratricide tra clan, tribù e miliziani di ogni bandiera. A complicare la situazione, alcuni di questi gruppi hanno scelto di recente l’adesione all’Isis (per esempio le milizie che controllano la città di Derna) per potenziare la loro capacità di reclutamento e di controllo sul territorio.

Continua a leggere